Arrietty, il mondo segreto sotto il pavimento

Movie Time

Niente impegni (per modo di dire), tranquillità e poca voglia di muoversi... credo siano questi gli ingredienti principali perché si produca un ottima serata-film. Io non sono uno di quelli che guarda una valanga di lungometraggi uno in seguito all'altro... c'é chi se ne vanta, io invece trovo che guardare film di cui non ci interessa gran ché sia una grossa perdita di tempo. Preferisco passare quel tempo con un buon libro o al massimo un buon videogioco. In ogni caso quando c'è un film che voglio vedere magari faccio passare un bel po' di tempo ma prima o poi lo vedo e me lo godo anche molto. Ieri sera è stato il turno di Arrietty, il mondo segreto sotto il pavimento. Uno degli splendidi film d'animazione dello Studio Ghibli (Il castello errante di Howl, Ponyo sulla scogliera, Principessa Mononoke, e molti altri...) capitanata dall'incredibili disegnatore Hayao Miyazaki. Il signor M. in questo film si è occupato della Sceneggiatura oltre ad essere ovviamente il Produttore Esecutivo della pellicola. Per quanto riguarda la trama: Arrietty, assieme ai suoi genitori, è una delle poche rimaste prendimprestito, ovvero piccoli gnomi che raccolgono oggetti e risorse utili alla loro sopravvivenza dalla casa che abitano ma in piccole quantità così da non essere scoperti. Ben lungi dal voler essere dei ladri la caccia, come la definiscono loro, infatti prevede (come si vede nel film) di procurarsi pochissime cose come una sola zolletta di zucchero (che per loro sembra un cubo bello grosso), un pezzo di carta, cibo, acqua, gas ed elettricità. La storia però non si concentra unicamente su Arrietty e la sua famiglia ma anche su Sho, un ragazzino con un cuore debole in procinto di passare una tranquilla settimana in vista di un'importante operazione. Sarà nella casa in cui soggiornerà che verrà a conoscenza dell'esistenza delle piccole creature, gli gnomi, e della loro corsa alla sopravvivenza. Sopravvivere per la famiglia sarà messo a dura prova dalla Signora Haru che non vede l'ora di scacciare i piccoli ladri dalla sua dimora. Sho nell'incontro di Arrietty cambierà molto. Quella settimana gli sarà di vitale importanza per il futuro perché la piccola e dolce ragazzina, non più alta di dieci centimetri, gli insegnerà un'importante lezione: non bisogna mai smettere di lottare.
Ovviamente il film è graficamente impeccabile. I fondali e le animazioni sono davvero un tutt'uno come non si era mai visto in uno dei film del noto studio giapponese. La storia è incredibile e si ispira alla serie di racconti fantasy per ragazzi Gli Sgraffignoli di Mary Norton. La colonna sonora invece è delle migliori mai sentite, molto dolce e tranquilla, si adatta benissimo agli scenari che rappresentano il paesaggio in cui viene ambientata la storia e ovviamente diventa un po' più movimentata in alcuni attimi. Il tema principale ovvero Arrietty's Song è cantata dall'artista bretone Cecile Corbel che ha interpretato il tema di giapponese, inglese, francese e italiano (quest'ultima ve la linko ed è davvero bella, clicca qui per ascoltarla su Youtube o qui per Scaricarla).
Personalmente ho trovato Arrietty, il mondo segreto sotto il pavimento bellissimo. Una gioia per gli occhi davvero simpatico. Divertente, impegnativo, serio ma non troppo è un ottimo prodotto e per chi, come me, è un fan dello Studio Ghibli e del suo creatore non può certo perderselo (dico io che l'ho visto solo adesso, è uscito a ottobre del 2010 al cinema).

Saluti!

1 commento:

Lascia un commento...